Accertamenti fisio-psico-attitudinali dei vfp1 2013 - 2014

Cosa sono gli accertamenti psicologici nelle prove selettive per i vfp1? In base a cosa viene fatta una diagnosi di personalità e quando tale diagnosi porta ad una valutazione di non idoneità? Scoprilo qui

Il percorso di selezione dei vfp1 è costituito, come sappiamo, da una visita medica ma anche da alcuni accertamenti per valutare quello che è chiamato l'assetto psichico

Di cosa si tratta

Questo tipo di valutazione viene fatta attraverso l'utilizzo di un questionario e la somministrazione di un test che ha il nome di MMPI-2, sigla che indica il MInnesota Multiphasic Personality Inventory-2. Una volta fatti questi test l'accertamento fiso-psico-attitudinale dei vfp1 prosegue con un colloquio di carattere psicologico e uno psichiatrico svolti in base ai risultati dei precedenti test. Al termine di tutto ciò il candidato riceve una diagnosi e un coefficiente che, con una sigla tecnica, viene indicato con PS, seguito da un numero. Dietro queste formule e questi termini un po' strani ci sono in realtà tutta una serie di criteri per la valutazione della personalità e che rientrano in quella che è la Direttiva Tecnica Applicativa.

La non idoneità

Il concorso per vfp1 è fatto da fasi che non prevedono prove scritte e culturali ma selezioni di idoneità. E questi sono gli accertamenti fisio-psico-attitudinali che sono anche quelli che possono determinare un giudizio di non idoneità. I profili che risultano non idonei sono quelli in cui compare la sigla PS 3 o PS 4, cioè profili di non idoneità determinati da alcune caratteristiche di personalità. Le diagnosi più comuni che possono essere causa di non idoneità vi sono quelle legate a disturbi dell'umore, fobie, ansia, iperemotività, controllo degli impulsi, tanto per indicarne alcune. Ma in base a quali criteri queste diagnosi hanno valore? Tutte queste diagnosi fanno riferimento ad un manuale (che vale per tutto il mondo) e che classifica tutti quelli che vengono definiti disturbi psichici; tale manuale è chiamato DSM. Una differenza fondamentale per gli psicologi e gli psichiatri è quella tra la parola "nota" e la parola "stato"; tale importanza deriva dal fatto che il primo termine indica una caratteristica stabile, mentre con il secondo termine si indica qualcosa di temporaneo.

Stati temporanei

Forse può essere utile, per i futuri vfp1, sapere quali sono alcuni di questi stati temporanei che possono determinare un giudizio di non idoneità. Tra di essi vi è, per esempio, quella che gli psichiatri chiamano sindrome depressiva: tale sindrome può essere temporanea e causata da un lutto. Ma, anche se legata ad un avvenimento particolare ed eccezionale, si ritiene possa causare un disagio incompatibile con la vita militare. La stessa cosa vale per diagnosi che evidenziano, ad esempio, una personalità incapace di controllare gli impulsi: cosa questa che viene ritenuta non compatibile con l'uso delle armi. Ma riteniamo importante ricordare che chi riceve una diagnosi di non idoneità al lavoro nelle Forze Armate non vede pregiudicati altri tipi di lavoro.


soldati vfp1
nave marina militare
vfp1 dell'aeronautica